LaRedoute

Musei aperti di notte, non solo una sera

Mosaico di notte , manifestazione per visite serali dei preziosi mosaici nei luoghi archeologici di Ravenna © ANSA

Il 19 maggio in tutta Italia si è celebrata la "notte europea dei musei": pinacoteche, gallerie, palazzi e siti archeologici resteranno aperti fino a tardi per consentire a tutti di ammirare opere d'arte, patrimoni culturali e spettacoli sotto le stelle. Il successo di questa e delle scorse edizioni ha incoraggiato molti musei e siti archeologici a organizzare per tutta l'estate aperture serali più volte la settimana da Venezia a Roma, da Milano a Torino, da Ravenna a Firenze. E' un'iniziativa di successo perché favorisce una programmazione più ampia e coinvolge turisti e visitatori che normalmente non riescono a entrare nei musei nei consueti orari di apertura.
Palazzo Ducale di Venezia resterà aperto fino alle 23 (ultimo ingresso alle 22) ogni venerdì e sabato d'estate e fino al mese di ottobre. E' un'ottima occasione per scoprire i capolavori del palazzo gotico, simbolo della Serenissima, e le singole mostre temporanee. Da non perdere "John Ruskin. Le Pietre di Venezia", mostra che fino al 10 giugno punta i riflettori sul rapporto di Ruskin con la città lagunare e, dal 7 settembre, "Tintoretto 1519-2019" per festeggiare i 500 anni della nascita del pittore veneziano tra i giganti della pittura europea del XVI secolo. Il museo, inoltre, propone suggestivi percorsi tra i segreti e i tesori del Doge e varie attività per tutta la famiglia. Info: http://palazzoducale.visitmuve.it
La straordinaria Cappella degli Scrovegni di Padova presenta l'iniziativa "Giotto sotto le stelle" con aperture serali dal martedì alla domenica fino al 4 novembre. E' un'esperienza suggestiva e unica poter ammirare a lungo uno tra i più importanti cicli di affreschi della storia dell'arte; solo di sera, infatti, si può acquistare un biglietto "doppio turno" che consente di rimanere nella stanza degli affreschi per 40 minuti consecutivi. Sempre di sera è possibile aderire a visite animate: su prenotazione si entra alle 19 e alle 21 fino a esaurimento posti con gli attori dell'associazione culturale teatrOrtaet che rievocheranno i personaggi del Medioevo per raccontare la storia della Cappella degli Scrovegni. Info: www.giottosottolestelle.it 
La ricca pinacoteca Accademia Carrara di Bergamo offre ai visitatori della città lombarda la proposta "Estate in Carrara": il 30 giugno, il 28 luglio, il 25 agosto, il 29 settembre e il 27 ottobre la galleria resta aperta fino a mezzanotte. In queste date sarà possibile ammirare capolavori assoluti: dal Mantegna al Pisanello, da Raffaello al Bellini, da Botticelli a Lotto, da Tiziano a Canaletto, da Hayez a Guardi. Info: www.lacarrara.it A Milano sono numerosi i musei che quest'estate apriranno le proprie porte per condividere esperienze d'arte anche di sera; tra questi si segnalano: il Pirelli HangarBicocca (www.hangarbicocca.org) che, oltre alle installazioni permanenti, presenta fino al 16 settembre "The feeling of things", la prima grande retrospettiva in Italia dell'artista Matt Mullican. Le opere d'arte contemporanee dello spazio espositivo si possono ammirare fino alle 22, da giovedì a domenica. Palazzo Reale (www.palazzorealemilano.it) accoglie visitatori fino alle 22.30 ogni giovedì e sabato per ammirare le mostre "Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia" fino al 24 giugno, "Impressionismo e avanguardie" fino al 2 settembre e "In piena luce. Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani", in programma da fine maggio a luglio. 
A luglio e ad agosto si potrà entrare nel museo Egizio di Torino (www.museoegizio.it) tutti i venerdì, dalle 18.30 alle 22.30 spendendo solo 5 euro. Il giovedì sera invece, dalle 20 alle 23, si ammirano opere di giovani artisti presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (http://fsrr.org). Le promozioni estive del capoluogo piemontese offrono altre occasioni per entrare nei luoghi della cultura in orari anomali, come l'atteso appuntamento "Sere d'Estate alla Reggia", con aperture speciali della magnifica residenza sabauda e dei suoi incantevoli giardini. La manifestazione si svolge tutti i venerdì e i sabato, dal 29 giugno al 25 agosto, con spettacoli e concerti in programma. 
Fino al 5 ottobre il primo e l'ultimo venerdì del mese i Musei di Strada Nuova, tre dimore storiche di via Garibaldi a Genova riunite in un'unica struttura museale - Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi - prolungano l'orario di apertura e organizzano dalle 19 visite guidate a tema per far conoscere da vicino le opere esposte e i loro autori. Per conoscere date e argomenti: www.visitgenoa.it 
Si chiama "Mosaico di notte" la proposta che dal 3 luglio al 7 settembre consente di ammirare anche oltre il solito orario di apertura i preziosi mosaici della Basilica di san Vitale, del vicino Mausoleo di Galla Placidia, di Sant'Apollinare in Classe e della Domus dei tappeti di pietra a Ravenna. Tutti i martedì e i venerdì, dalle 21 alle 23, e con la possibilità in alcune date di partecipare, su prenotazione, alle visite guidate tra i monumenti d'arte bizantina, tutelati dall'Unesco, della città romagnola. Info: www.ravennamosaici.it 
A Firenze dal 5 giugno al 28 settembre i celebri musei degli Uffizi, restano aperti due sere a settimana: martedì e mercoledì fino alle 22 si potranno ammirare i capolavori d'arte e partecipare a eventi, concerti, conferenze e performance sperimentali negli spazi delle gallerie. Sono anche previste visite guidate nelle nuove sale dedicate alla storia degli Uffizi, che fanno parte degli spazi dell'Auditorium Vasari inaugurato pochi mesi fa.
A Roma sono numerosi i musei che aderiscono all'iniziativa di aprire di sera; tra questi spiccano i Musei Vaticani che fino al 26 ottobre ogni venerdì aprono le porte ai visitatori dalle 19 alle 23, con l'ultimo ingresso alle 21.30. Si potranno così ammirare il museo Gregoriano Egizio, il museo Pio Clementino, le Gallerie Superiori, le Stanze di Raffaello, l'Appartamento Borgia, la Cappella Sistina e le Sale di Pio V. La prenotazione è obbligatoria sul sito: www.museivaticani.va Le visite notturne sono ancor più suggestive se si partecipa agli appuntamenti musicali della rassegna "Museidisera Arte, Musica", che propone concerti dal vivo tra i capolavori d'arte pittorica e scultorea dei Musei. Chi ama l'arte contemporanea il sabato fino alle 22 può entrare al Maxxi (www.maxxi.art), il museo nazionale delle arti del XXI secolo, progettato nel 2009 dall'architetto britannico di origine irachena Zaha Hadid. Il museo è dedicato alla sperimentazione e all'innovazione nel campo delle arti e dell'architettura e ospita collezioni permanenti che promuovono l'arte contemporanea con più di 300 opere - dalla pittura alle installazioni, dalla scultura alla fotografia e all video arte - provenienti da tutto il mondo e un'attenzione particolare agli autori italiani e più di 50mila progetti, 25mila fotografie e modelli di progetti architettonici. "La luna sul Colosseo" è una sorprendente iniziativa culturale, in programma dal 14 maggio al 31 ottobre, che consente di visitare il monumento iconico di Roma ogni lunedì, martedì e mercoledì dalle 20 a mezzanotte (l'ultimo ingresso è alle 22.40). La visita dura un'ora e 15 minuti e prevede l'accesso ai sotterranei, all'arena e al primo ordine del Colosseo. La visita comincia dal piano dell'arena, cuore del monumento, da dove si scorgono le profondità dei sotterranei, le cavità delle gallerie e il susseguirsi delle arcate interne del monumento, resi ancor più suggestivi dall'illuminazione serale. Qui si raccontano i giochi gladiatori, la storia e l'architettura dello straordinario monumento.
Da metà luglio, infine, si potrà visitare in notturna il maestoso sito archeologico dellaValle dei Templi di Agrigento, patrimonio dell'Umanità. Nel parco di 1.300 ettari, che racchiude secoli di storia antica del Mediterraneo, si passeggia tra boschi d'ulivi, mandorli, zagare e carrubi alla scoperta degli imponenti resti dell'antica città di Akragas e dei templi dorici di tufo dorato della Magna Grecia; il più visitato è il gigantesco tempio della Concordia con le sue 34 colonne, tutte ancora in piedi, celebrato da scrittori e filosofi, soprattutto dal tedesco Goethe. Nel punto più alto della collina si erge il tempio di Giunone, che aveva lo stesso numero di colonne di quello della Concordia ma che furono in parte distrutte da un incendio appiccato dai Cartaginesi nel 406 a.C. Il tempio più grande del Parco è quello dorico di Giove: costruito su una base di 56 metri per 113 ha colonne alte circa 18 metri. La Valle accoglie anche il museo archeologico Pietro Griffo che espone reperti dalla preistoria fino alla fine dell'età greco-romana. Nel mese di giugno il sito ufficiale - www.lavalledeitempli.it - comunicherà orari e tutti i dettagli utili per le visite notturne.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Opere d'arte a Palazzo Giustizia Firenze

 © ANSA

 Inaugurate oggi le cinque opere vincitrici del concorso internazionale di arte contemporanea indetto per abbellire il Palazzo di Giustizia di Firenze e i suoi dintorni, nella zona di Novoli. I vincitori sono il giapponese Shigeu Saito, con 'Prima del tramonto'; Antonio Violetta con 'Giustizia; Sislej Xhafa, artista proveniente dal Kosovo, con 'J'; Virginia Zanetti con 'Il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me'; e Mauro Pace, insieme a Saverio Villirillo e Gregorio De Luca Comandini con 'Metabole'.
    Il bando, per il quale sono pervenute 228 domande, è stato indetto nel 2015 ai sensi della legge 717 del 1949, che impone alle amministrazioni pubbliche che costruiscono nuovi edifici di destinare una quota della spesa totale prevista nel progetto per realizzare opere di abbellimento degli edifici stessi. Presente al taglio del nastro anche il sindaco Dario Nardella. "La legge del 1949 è un po' dimenticata - ha detto il primo cittadino - noi vogliano invece attualizzarla e continuare a crederci, dando agli artisti un messaggio positivo e invitandoli a restare protagonisti e a lanciare nuovi stili e avanguardie, non a caso abbiamo voluto che nel concorso ci fosse una sezione riservata agli under 35". "Firenze intende applicare questa legge anche per altri investimenti pubblici - ha annunciato ancora Nardella -, per esempio nella opere di riqualificazione della Fortezza, del Meccanotessile, della Manifattura Tabacchi. Chiederemo al ministero competente anche se la tramvia possa rientrare nell'ambito dell'applicazione".(ANSA).

A NY George Washington perduto Canova

 © ANSA

(di Alessandra Baldini) NEW YORK - La penna in una mano, nell'altra la tavola con le parole dell'addio alla politica. George Washington, generale vittorioso e primo presidente americano, rinuncia agli abbagli del potere per tornare come Cincinnato alla vita dei campi. Era questo il soggetto dell'unica opera americana di Antonio Canova, ma il monumento in marmo di Carrara al "padre della patria" non e' sopravvissuta: commissionata dal Senato della North Carolina ma distrutta in un incendio pochi anni dopo l'arrivo nel Nuovo Mondo, ritorna a vivere alla Frick Collection in una mostra curata da Xavier Solomon con Mario Guderzo della Gispoteca e Museo Antonio Canova di Possagno. La statua non esiste piu' se non in pochi frammenti carbonizzati, uno dei quali, con la firma dell'artista, ha viaggiato per la mostra da Raleigh a New York. Rimangono pero' a Possagno i modelli preparatori, esposti dal 23 maggio al 23 settembre, tra cui l'ultimo a grandezza naturale presentato da solo nella rotonda del museo: raffigura il primo presidente americano in abito da generale romano e sul punto di lasciare il potere.
    "Per l'Europa, abituata a essere governata da monarchi assoluti, papi, re e imperatori, fu una rivoluzione", spiega Solomon. La statua, realizzata 16 anni dopo la morte, fu affidata a Canova su suggerimento di Thomas Jefferson, "l'arbitro dell'eleganza nell'America di primo Ottocento". Il terzo presidente americano, ormai in pensione nella villa palladiana di Monticello, non aveva mai incontrato Canova o visto coi suoi occhi le sue opere, ma lo conosceva di fama: "In questo Canova fu il primo artista italiano internazionalmente famoso", afferma Solomon.
    L'ultimo modello fu completato nel 1818, esattamente 200 anni fa. Lo precedono altri tre bozzetti preparatori arrivati anche quelli al Frick, uno dei quali raffigura il "padre della patria" senza veli. In parallelo, all'Istituto Italiano di Cultura, saranno esposte 16 tempere di Canova, prima assoluta per il pubblico americano, esposte per la prima volta dopo il restauro.
    Ispirate alla danza, vengono anche queste da Possagno. Alla porta accanto, in Consolato, una rassegna di foto di Fabio zona documenta le sculture del museo in Veneto il cui fulcro, accanto alla casa natale di Canova, e' l'edificio dove vennero portati i gessi dallo studio romano ampliato nel 1957 da Carlo Scarpa.
    Il George Washington fu realizzato a Roma: mentre Canova scolpiva, i suoi assistenti e il fratellastro Giovanni Battista Sartori gli leggevano testi sulla Rivoluzione Americana dello storico Carlo Botta. Per Canova, Washington "fu un genio che compi' atti sublimi per la sicurezza e la liberta' del suo paese". La mostra celebra anche questo, il legame transatlantico, artistico e culturale, che lega Italia a Stati Uniti.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Arte contemporanea nella Rocca di Angera Un nuovo spazio per esposizioni temporanee nell’antico castello sul lago Maggiore

Angera © Ansa

ANGERA - Ammirare opere d’arte contemporanee sullo sfondo di frammenti di affreschi medievali sopravvissuti al passare del tempo: dopo due anni di lavori di restauro è ciò che offre la trecentesca Ala Scaligera della scenografica Rocca Borromea di Angera, che domina con la sua imponente mole il versante meridionale del lago Maggiore, in Lombardia. Circondata da mura merlate e da un delizioso giardino medievale, la Rocca ospita saloni di grande importanza artistica, come la Sala della Giustizia con un ricco ciclo di affreschi, la Sala della Mitologia con una vasta collezione di maioliche e l’Ala Scaligera, in fondo al cortile d’entrata, trasformata da quest’anno in uno spazio espositivo per opere contemporanee.
La prima mostra è collettiva, si chiama Continuum ed espone opere di Giovanni Anselmo, Vanessa Beecroft, Daniel Buren, Sheila Hicks, Anish Kapoor, Ettore Spalletti e Giulio Paolini. Aperta fino al 30 settembre e curata da Antonio Grulli in collaborazione con il gallerista Massimo Minini, l’esposizione è una suggestiva continuità storica e artistica, come suggerisce il titolo, tra passato e presente, voluta dal principe Vitaliano Borromeo che ha ereditato dal padre la gestione del patrimonio familiare sul lago Maggiore, comprese le bellissime isole Borromee.
Per poter ospitare l’esposizione nella sala affrescata sono stati necessari importanti lavori di restauro che hanno sfruttato la luce che entra dalle finestre contrapposte, salvaguardato gli intonaci originali e recuperato numerosi frammenti di affreschi presenti con motivi floreali e stemmi di Beatrice Regina della Scala, la moglie di Bernabò Visconti, che nel 1370 fece erigere l’ala che da lei prende il nome. Così sullo sfondo di installazioni e lavori d’arte contemporanea - come gli specchi rossi di Kapoor o i poliedri di alabastro di Spalletti - appaiono simboli medievali come il biscione visconteo e la scala, emblema dell’omonima famiglia aristocratica.
Per maggiori informazioni: www.isoleborromee.it/info.html

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Viaggi in musica: le mete imperdibili per l'estate A New York, Perugia, Lisbona e...

iStock. © Ansa

 L’estate è alle porte, cresce la voglia di sole, di viaggi e di stare all’aria aperta magari ascoltando della buona musica! Le capitali del Jazz e della musica elettronica, i festival di musica techno più “cool” e i concerti di musica rock che fanno scatenare le folle: i travel experts di PiratinViaggio hanno stilato una lista di mete imperdibili per tutti gli amanti dei più svariati generi musicali.
New York City, USA
Non c'è da stupirsi del perché chiamino New York la città che non dorme mai: la vita notturna è certamente una delle più eccitanti e colorate del mondo e pullula di locali all’avanguardia sulla scena musicale internazionale. Se siete amanti della musica elettronica, sono centinaia i club che vi consigliamo di visitare, a partire da Brooklyn dove troverete gli imperdibili Tunnel, Twilo e Output fino ad arrivare a Williamsburg, con il Verboten che è una vera e propria roccaforte della musica elettronica.
Non solo elettronica ma anche jazz music: il quartiere tra la Christopher Street Station e la 9th Street Station offre infatti un'infinità di locali jazz sotterranei, con lo Small Jazz Club che spicca tra tutti per la straordinaria atmosfera e offerta musicale. E per chi è ancora incerto, il locale offre la possibilità di sperimentare una serata in livestreaming sul loro sito web.
Perugia, Italia
Anche la Bella Italia offre esperienze entusiasmanti a tema musicale. Proprio nel caldo mese di luglio, a Perugia, si tiene il famoso “Umbria Jazz Festival”, uno dei più importanti festival del mondo che viene organizzato dal 1973. Vi hanno partecipato i “big” della scena jazz internazionale, artisti del calibro di B.B. King, James Brown e altri protagonisti popolari come Alicia Keys ed Elton John. PiratinViaggio vi consiglia di visitare l’edizione estiva che è ospitata dallo stadio di Santa Giuliana, ma che prevede anche moltissimi concerti gratuiti in giro per la città, in cornici straordinarie come i giardini Carducci.
Boom, Belgio
E’ qui che si svolge alla fine di luglio uno dei più grandi e famosi festival di musica dance ed elettronica del mondo: il Tomorrowland. Dal 2005 l’evento è diventato la mecca per tutti gli amanti di questi generi musicali e nelle ultime edizioni ha contato più di 180.000 presenze. Atmosfera fiabesca, spettacoli di luci e colori, 12 palchi che ospitano concerti in contemporanea e artisti internazionali come Axwell/Ingrosso, Martin Garrix, Alesso, Paul Kalkbrenner, Carl Cox e Charlotte de Witte: tutto questo è Tomorrowland, un appuntamento che i travel experts di PiratinViaggio vi raccomandano di non perdere!
Lisbona, Portogallo
Il fascino indiscusso di Lisbona con le sue tradizioni popolari e la movimentata vita notturna, la rendono una meta perfetta per molti viaggiatori. Ed è proprio nella capitale portoghese che quest’anno viene organizzato il festival Rock in Rio, l’evento di musica rock che ha fatto ballare generazioni di rockers in città come Rio de Janeiro, Las Vegas e Madrid. Molte band di fama internazionale hanno girato i loro video musicali durante questo evento e la partecipazione è ogni anno più sorprendente. Nel 2018 il festival sarà accolto dal Parque De Bela Vista, che si trasformerà per 4 giorni in una cittadella del rock il 23, 24,29 e 30 giugno.
Monaco, Germania
Gruppi rock memorabili e uno scenario mozzafiato in una delle più belle città della Germania: il Rockavaria a Monaco di Baviera è un festival imperdibile! Quest’anno il 9 e 10 giugno, suoneranno sull’enorme palco di Königsplatz delle vere e proprie leggende del rock: gli Iron Maiden, i Limp Bizkit e i Toten Hosen. E per fare una pausa tra una band e l’altra, la posizione centralissima del festival permette di raggiungere in pochi minuti l’Englischer Gaten, il polmone verde della città che è uno dei parchi urbani più grandi del mondo assieme al Central Park di New York e all’Hyde Park di Londra. Qui potrete godervi un attimo di relax per poi tornare a ballare ai piedi del palco del Rockavaria o per avventurarvi al Backstage, un locale rock tra i più cool del momento.
New Orleans, USA
New Orleans è senza dubbio la città jazz più famosa del mondo, da sempre considerata la culla di questo genere musicale, ne rimane ancora oggi capitale indiscussa. La città mangia, dorme e respira musica jazz, New Orleans è da prendere “così come viene”, non serve pianificare in anticipo i locali da visitare o gli spettacoli da vedere, lasciatevi guidare dalla sua magia, guardate i volantini per strada e scoprite la vera anima musicale della città! Se invece il jazz non fa per voi, fate tappa all’Essence Festival, che dal 1994 ospita 4 giorni di musica per tutti i gusti e che quest’anno dal 5 all’8 luglio vedrà esibirsi artisti come Janet Jackson, Mary J. Blige, Snoop Dogg e i The Roots: a New Orleans c’è abbastanza musica per tutti!
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

'Flor', in centro Torino festa del verde

 © ANSA

TORINO - Un giardino temporaneo ma lussureggiante nel centro di Torino. Dal 25 al 27 maggio Flor trasformerà le storiche Via Carlo Alberto, cuore nevralgico della manifestazione, Piazza Carlo Alberto e via Principe Amedeo.
    Saranno circa 200 gli espositori provenienti da tutta Italia che proporranno le proprie eccellenze florovivaistiche: agrumi siciliani e piante alpine, i profumi del mediterraneo con olivi, bouganville e gelsomini, alberi e arbusti come aceri, camelie, azalee, rose, ortensie; piante rampicanti e piante da appartamento. E, ancora, piante tropicali e acquatiche ma anche oggettistica per il giardinaggio, libri, sementi e prodotti naturali, decorazioni e spezie. 'Flor' è organizzata dall'Associazione Nuova Orticola.
    All'interno della manifestazione nascerà quest'anno uno spin- off che potrebbe, in futuro, diventare un evento indipendente: 'Terrae', la mostra mercato dedicata alla ceramica artistica contemporanea con una selezione di 30 ceramisti professionisti italiani e stranieri. (ANSA).

Istituite aree marine protette in Sardegna e in Sicilia

 © ANSA

 Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha firmato lunedì 21 i decreti istitutivi di due aree marine protette: Capo Testa-Punta Falcone, in Sardegna e precisamente nel comune di Santa Teresa di Gallura (Sassari), e Capo Milazzo, in Sicilia, nel comune di Milazzo (Messina). Il ministro ha firmato anche i relativi decreti di approvazione del regolamento che disciplina le attività consentite nelle diverse zone delle due aree marine.

Diventano così 29 le aree marine protette italiane che, insieme ai due parchi sommersi, contribuiscono a tutelare complessivamente 233.891 ettari di mare.

"L'istruttoria tecnico-amministrativa, appena conclusa - scrive il Ministero -, ha visto il supporto tecnico dell'ISPRA e l'adesione degli enti locali, nonché processi di partecipazione del pubblico e degli stakeholder che hanno permesso una piena condivisione delle scelte: l'istruttoria, oltre a valutare le caratteristiche ambientali, ha tenuto conto delle caratteristiche socio-economiche dei territori".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tavolara a impatto zero, isola laboratorio nel Mediterraneo

 © ANSA


Giornata biodiversità, perdiamo natura a 'ritmo allarmante'

 © ANSA

Nonostante gli impegni internazionali, "la biodiversità continua a essere in declino in tutte le regioni del mondo a un ritmo allarmante". Lo evidenzia Cristiana Pasca Palmer, segretario della Convenzione sulla diversità biologica, in occasione della Giornata internazionale della biodiversità che ricorre il 22 maggio.

"La perdita di natura aggrava altre sfide globali come il cambiamento climatico, la sicurezza alimentare e idrica, la salute pubblica, e può potenzialmente portare a conseguenze catastrofiche per l'esistenza umana", avverte Palmer, che sottolinea l'urgenza di sfruttare i prossimi due anni per raggiungere gli obiettivi internazionali del Piano strategico sulla biodiversità 2011-2020 e per fissare un nuovo accordo che crei le condizioni per cui "gli esseri umani possano prosperare e svilupparsi armonia con la natura entro il 2050".

La Giornata 2018 celebra i 25 anni della Convenzione sulla biodiversità, entrata in vigore nel 1993 per difendere animali e piante da una serie di minacce che spesso derivano da attività umane. In primo luogo la distruzione degli habitat a cominciare dalle foreste che, nel mondo, ospitano l'80% delle specie esistenti. Solo nel 2016, stando all'università del Maryland, la Terra ha perso quasi 30 milioni di ettari di copertura arborea.

Altro problema è il bracconaggio: secondo il Wwf sono almeno 7mila le specie minacciate dai bracconieri e dal commercio illegale nel mondo.

In Italia, in base all'annuario 2017 dell'Ispra, il 31% degli animali vertebrati è a rischio di estinzione, insieme alla metà delle specie vegetali.
Specie aliene fra le prime minacce. Tra le minacce principali per la biodiversità c'è la diffusione incontrollata delle specie aliene invasive, che causa costi sociali ed economici stimati in 12 miliardi di euro l'anno solo nell'Unione Europea. Lo sottolineano Legambiente e Ispra in occasione della Giornata internazionale della biodiversità che ricorre il 22 maggio. Piante e animali esotici e invasivi possono causare l'estinzione delle specie autoctone. In Italia sono presenti più di tremila specie aliene, introdotte spesso volontariamente, di cui il 15% invasive. Negli ultimi 30 anni - evidenziano ancora Ispra e Legambiente - il numero delle specie aliene nel nostro Paese è aumentato del 96%. A porre l'accento sul problema a livello europeo è Life Asap, il progetto Ue di formazione e informazione sulle specie aliene invasive e i loro impatti sul territorio, di cui Ispra è capofila. Guardano ai mari del Vecchio Continente, il Mediterraneo è il più colpito. Qui il numero di specie marine aliene è più che raddoppiato tra il 1970 e il 2015, e ora se ne contano 837, di cui 186 arrivate attraverso il canale di Suez. Nei mari italiani si contano 42 nuove specie ittiche.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Oltre 200.000 aziende agricole in zone protette in Italia WWF, giovani agricoltori sono custodi della biodiversità

 © ANSA

 Le aziende agricole presenti nei siti italiani della rete Natura 2000 sono 214.535 e corrispondono al 12,8% delle aziende agricole presenti nel nostro Paese. Natura 2000 è la rete di zone protette creata dall'Unione europea per la protezione degli habitat e delle specie. Lo rivela una ricerca svolta dal CREA (l'ente di ricerca del Ministero delle Politiche Agricole), in collaborazione con il WWF Italia e il ministero dell'Ambiente. La ricerca è stata presentata stamani a un convegno al Ministero dell'Ambiente, in occasione del Natura 2000 Day.

Nell'Unione europea la rete Natura 2000 comprende oltre 27 mila siti e copre oltre il 18% del territorio europeo e oltre il 6% di quello marino". In Italia i siti sono 2.613.

La superficie agricola totale delle aziende all'interno di siti Natura 2000 italiani è di oltre 2,7 milioni di ettari. La superficie agricola utilizzata è di oltre 1,5 milioni di ettari, corrispondente al 26,9% della superficie complessiva dei siti Natura 2000 in Italia.

In occasione del "Natura 2000 Day" sono state presentate le prime 38 aziende agricole selezionate in Italia per le loro buone pratiche messe in campo per la conservazione della natura e la valorizzazione delle aree naturali protette. Queste aziende virtuose sono distribuite in 15 Regioni e ricadono in varie tipologie di aree ad alto valore naturale. La maggior parte delle aziende ha un sistema di produzione biologico, ma sono presenti anche esempi di aziende che hanno sviluppato esperienze di agricoltura sinergica e di agricoltura biodinamica.
WWF, i giovani agricoltori sono custodi della biodiversità. "Le aziende agricole più avanzate sono quelle del biologico, condotte da giovani sotto i 41 anni, in prevalenza donne. È questo il profilo del nuovo agricoltore, capace di raccogliere le importanti sfide della globalizzazione dei mercati, creando valore aggiunto dall'applicazione dei principi di sostenibilità nelle produzioni locali". Lo dichiara Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia, commentando il rapporto del CREA (il centro studi del Ministero delle Politiche Agricole), preparato in collaborazione con il WWF e il Ministero dell'Ambiente e presentato stamani. "Gli agricoltori possono svolgere un ruolo determinante nella conversione ecologica del Paese - prosegue Bianchi -, essere custodi della biodiversità, garantendo e promuovendo la resilienza dei sistemi naturali nelle aree di maggior pregio tutelate dall'Europa, grazie all'utilizzo ottimale dei Fondi della PAC (Politica agricola comune)". La ricerca ha consentito anche di selezionare le prime 38 aziende agricole virtuose in relazione alle buone pratiche all'interno di siti Natura 2000. Il 31,5% di queste aziende sono condotte da giovani sotto i 41 anni, in prevalenza donne, il 79% praticano agricoltura biologica, il 74% ha investito proprie risorse per realizzare interventi per la conservazione della natura e il 71% ha utilizzato misure negli ultimi due periodi di programmazione (2000-2006 e 2007-2017) per realizzare investimenti per la conservazione della biodiversità e la valorizzazione della loro presenza all'interno di un territorio ad elevato valore naturale.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA